Laboratorio del sonno

Il sonno è di fondamentale importanza per il corpo e la mente perché pare essere proprio il momento durante il quale si innescano una serie di indispensabili meccanismi di autoriparazione. Per questa ragione Biomedica Tortonese ha scelto di concentrare la nuova convenzione con la prestigiosa Fondazione Mondino IRCCS proprio sull’identificazione e la cura dei disturbi del sonno che, in Italia, arrivano a colpire oltre il 30% della popolazione.

L’opera di ricerca, diagnosi e cura che scrivono la storia di innovazione della Fondazione Mondino IRCCS sono così a disposizione di tutti i pazienti di Biomedica Tortonese per ritrovare la salute e migliorare la qualità della vita.

Il sonno varia molto nel corso delle età della vita e, in un soggetto adulto, di norma si attesta tra le sette e le otto ore. Esistono comunque, e non di stratta di patologie, persone che sono corto-dormitori, alle quali sono sufficienti anche solo 5 ore di sonno, e altre, lungo-dormitori, che hanno bisogno anche di 9-10 ore. Statisticamente, inoltre, la maggior parte delle persone dormono tra le ore 23.00 e le ore 8.00, con soggetti che però tendono ad addormentarsi e svegliarsi tardi, detti anche serotini o “gufi”, e altri che invece si addormentano e si svegliano presto, detti anche mattinieri o “allodole”.

Sono diversi i disturbi che possono influenzare il sonno, tra questi i principali sono:

  • l’insonnia: si tratta della difficoltà ad addormentarsi la sera e da risvegli ripetuti nel corso della notte o da un risveglio troppo presto al mattino; colpisce il 13% della popolazione ed è associata a diverse cause, tra le quali le più frequenti sono: stress, ansia, depressione, stili di vita poco salubri;
  • i disturbi circadiani: disturbi del ritmo circadiano che si caratterizzano da un’alterata regolazione dell’alternanza veglia-sonno e dei loro orari nell’arco delle 24 ore; possono essere di origine genetica oppure generarsi come conseguenza del rapido e continuo cambio di fuso orario (sindrome jet lag) o del lavoro su turni;
  • le sindromi con eccessiva sonnolenza diurna: la sonnolenza può essere innescata da diversi disturbi e può diventare un fattore di rischio importante nella quotidianità;
  • l’apnea ostruttiva: la manifestazione di russamento e di diverse apnee notturne, che è spesso collegata a patologie gravi come la Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e che è fattore di rischio per malattie gravi come l’Ictus e l’infarto del miocardio;
  • la narcolessia, patologia di origine genetica non comune, che impedisce al soggetto di resistere alla sonnolenza diurna anche nel corso di svolgimento di attività come parlare o mangiare e che frequentemente si associa ad attacchi cataplettici nel corso dei quali il soggetto va incontro a improvvisa debolezza e rischio di svenimento quando provoca sensazioni piacevoli;
  • i disturbi parossistici del sonno: i più frequenti sono sonnambulismo, pavor notturno (paura del sonno), enuresi (“pipì a letto”), REM Behaviour Disorder (che si instaura spesso con la mezza età e consiste in manifestazioni motorie e comportamentali anomale durante la fase REM, come movimenti bruschi, parlare nel sonno, ecc.), sindrome delle gambe senza riposo;
  • l’epilessia nel sonno: si tratta di particolari forme di epilessia, sia infantili sia dell’età adulta, che si manifestano esclusivamente o prevalentemente nel sonno, tra le quali una delle più particolari è l’epilessia frontale notturna.

Tutti questi disturbi hanno gradi di gravità differente, ma anche quelli di natura più benigna spesso influiscono negativamente sulla qualità della vita. Ecco perché è di grande rilevanza rivolgersi a medici specialisti e a centri capaci di gestire le innumerevoli metodologie diagnostiche necessarie per un corretto inquadramento della situazione. Come il Centro di Medicina del Sonno del Mondino IRCCS, che da oggi è facilmente a disposizione di tutti i pazienti di Biomedica Tortonese.

Prenota ora!
0131 862002

dal lunedì al venerdì
dalle 9.00 alle 18.00
sabato dalle 9.00 alle 12.00
Possibilità di appuntamenti fuori orario di apertura